Chi Siamo

La LEA Hydromantes viene gestita da:
Manuela Mulargia, Giovanni Mele e Maria Luisa Mason.
Ci occupiamo di educazione ambientale, ricerca, creazione di itinerari ambientali, promozione del territorio e organizzazione di escursioni.
Le nostre iniziative e progetti sono rivolte alle scuole, enti pubblici, privati e turisti.
Gestiamo il CEAS Santa Lucia Siniscola.
Puoi contattarci alla seguente email: lea.hydromantes@tiscali.it

sabato 13 gennaio 2018

Sa Pompia: il frutto e il dolce della tradizione a Siniscola


A Siniscola, si coltiva e lavora Sa Pompia un agrume tipico della Baronia, che grazie alla presenza del Monte Albo presenta un microclima favorevole alla delicata specie. La salvaguardia dall’estinzione si deve al tradizionale utilizzo alimentare nel Comune di Siniscola: l’albedo del frutto, sottoposto a un lungo processo di canditura nel miele, serve a preparare un dolce tipico: Sa Pompia Intrea.

Sa Pompia, a Siniscola è considerato il dolce per eccellenza delle grandi occasioni. La ricetta della sua preparazione è stata tramandata immutata. Si ottiene attraverso un processo di lavorazione lungo e meticoloso. Al frutto viene tolta la scorza esterna e la polpa interna, prestando attenzione che non si rompa. Fatta lessare in acqua bollente, sa pompia è pronta per la canditura, che secondo tradizione richiede l’utilizzo di miele millefiori (ingrediente che garantisce anche una migliore conservazione). Sa pompia viene poi posta in un tegame di rame dove in precedenza è stato messo a scaldare il miele, che deve ricoprire interamente il frutto e deve essere aggiunto man mano che viene assorbito. Si lascia poi cuocere per diverse ore a fuoco moderato fino a quando non assume un caratteristico colore ambrato. Si conserva dentro i vasi con lo sciroppo di cottura. Oltre alla ricetta tradizionale sa pompia è utilizzata per confezionare marmellate, gelatine e liquori che permettono raffinati accostamenti con formaggi freschi e stagionati, verdure, gelati e panna cotta.
Il frutto di Sa Pompia
 
 

Nessun commento:

Posta un commento